Il tuo indirizzo IP è 162.158.79.164     

Configurazione ADSL Tiscali su router Cisco 860 Series ISRs

Scritto da Alessio Carta il . Inserito in CCNA

In questo articolo spieghiamo come configurare un router Cisco serie 860 per un’ADSL Tiscali. In particolare la configurazione fa riferimento ad un Cisco 867VAE, che supporta gli standard ADSL  1/2/2+ e VDSL2. Poiché questo router difficilmente sarà utilizzato in ambiente casalinghi, diamo per scontato l’uso di indirizzi IP pubblici statici.

Reindirizzamento porte su router Cisco

Scritto da Alessio Carta il . Inserito in CCNA

Il port forwarding, ossia reindirizzamento delle porte, permette il trasferimento dei dati (forwarding) da un computer ad un altro tramite una specifica porta di comunicazione. E' normalmente associato ai meccanismi del NAT: in questo modo un PC o Server interno ad una rete locale può essere raggiunto da Internet tramite l'indirizzo IP pubblico attestato sul router.

Reset e recupero password su router Cisco

Scritto da Alessio Carta il . Inserito in CCNA

Per reimpostare la password o per azzerare la configurazione di un router Cisco è necessario modificare la Sequenza di Boot, agendo sul registro di configurazione (Configuration Register) .

Il "Configuration Register" è un registro software di 16 bit espresso in valore esadecimale. Gli ultimi quattro bit (boot field) indicano al router come effettuare la "Sequenza di Boot".

Registrazione log di accesso su Cisco

Scritto da Alessio Carta il . Inserito in CCNA Security

Su Cisco, il log dei login effettuati non è abilitato in maniera predefinita. Tale funzione è utile sia in ottica di hardening, sia per venire incontro alle richieste della normativa italiana che obbliga le aziende al mantenimento dei log degli accessi effettuati dagli amministratori di sistema. (Provvedimento del 27 novembre 2008, "Misure e accorgimenti prescritti ai titolari dei trattamenti effettuati con strumenti elettronici relativamente alle attribuzioni delle funzioni di amministratore di sistema", reso obbligatorio tramite proroga a partire dal 15 Dicembre 2009).

Configurazione di OSPF su router Cisco

Scritto da Alessio Carta il . Inserito in CCNA

OSPF, Open Shortest Path First, è un protocollo di routing di tipo Link State, così classificato in quanto  trasferisce le informazioni di routing a tutti i router della rete. Per maggiori informazioni sulla teoria del protocollo OSPF, consultare l'articolo OSPF - Open Shortest Path First protocol.

OSPF permette sia il VLSM, variable-Lenght Subnet Mask (subnetting a maschera variabile), sia l’aggregazione delle rotte (route summarization). E' importante ricordare che l’aggregazione delle rotte non viene effettuata in maniera predefinita.

Configurazione di EIGRP su router Cisco

Scritto da Alessio Carta il . Inserito in CCNA

EIGRP è un protocollo di routing di tipo Distance Vector. E' proprietario Cisco, non è quindi uno standard aperto. Si adatta a reti medio grandi, che utilizzano principalmente dispositivi Cisco. E' considerato da molti un protocollo ibrido, in quanto utilizza caratteristiche sia degli algoritmi Distance Vector che Link State. Tuttavia la stessa Cisco ribadisce che si tratta di un protocollo Distance Vector perché scambia la tabella di routing e le metriche con i soli router vicini. Per ulteriori informazioni su EIGRP, consultate l'articolo EIGRP - Enhanced Interior Gateway Routing Protocol.

Inter-VLAN routing: instradamento tra VLAN

Scritto da Alessio Carta il . Inserito in CCNA

Per inter-VLAN routing si intende l’inoltro di pacchetti tra host appartenenti a VLAN diverse, e quindi appartenenti a reti separate che necessitano di un router per comunicare tra loro. Il concetto è che per far comunicare VLAN distinte, tutte devono avere un gateway di riferimento che consenta il routing: in sostanza occorre un’interfaccia del router per ogni VLAN.

Configurazione VTP su switch Cisco

Scritto da Alessio Carta il . Inserito in CCNA

Il VLAN Trunking Protocol (VTP) è un protocollo di livello 2 proprietario Cisco, che consente di gestire in modo centralizzato le informazioni sulle VLAN e renderle disponibili a tutti gli switch in rete. Il protocollo prevede l’esistenza di un VTP server: quando viene creata o modificata una VLAN, l’informazione viene distribuita a tutti gli switch del VTP domain a partire dal server, utilizzando messaggi detti VTP advertisements. Per un approfondimento teorico relativo al VTP, vedere l'articolo VTP - VLAN Trunking Protocol.

Utilizzando questo sito accetti l'uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità mirata (tramite Google AdSense). Clicca qui per maggiori informazioni