Il tuo indirizzo IP è 162.158.79.104     

Inserimento di ESXi nell'inventario del vCenter

Written by Alessio Carta on . Posted in vSphere 5.x

La procedura di inserimento di un host ESXi nell’inventario del vCenter Server è successiva all’installazione del vCenter Server stesso e del vSphere Web Client. Un host può essere inserito all’interno di un datacenter o di una cartella. I passaggi necessary sono i seguenti:

Backup e ripristino della configurazione di ESXi

Written by Alessio Carta on . Posted in vSphere 5.x

Il backup della configurazione di vSphere ESXi si esegue tramite vSphere CLI (Command Line Interface) da installare su macchina Windows o Linux, oppure tramite l’appliance vSphere Management Assistant (vMA), utilizzando il comando vicfg-cfgbackup.

Installazione e configurazione base di ESXi 5.1

Written by Alessio Carta on . Posted in vSphere 5.x

I requisiti minimi per l’installazione di vSphere ESXi 5.1 sono elencati di seguito.

Per la parte generale di sistema:

  • server con CPU x86 a 64bit;
  • CPU con almeno 2 core, supporto hardware alla virtualizzazione (Intel VT-x or AMD RVI), set di istruzioni LAHF e SAHF;
  • bit NX/XD per la CPU abilitato a livello di BIOS;
  • 2GB di memoria RAM fisica (raccomandati 8Gb);
  • una o più interfacce Ethernet Gigabit o 10Gb.

Architettura e sicurezza di ESXi

Written by Alessio Carta on . Posted in vSphere 5.x

ESXi è l’hypervisor di VMware vSphere. Richiede una licenza d’uso se utilizzato all’interno dell’ambiente vSphere, ma esiste anche in versione gratuita, specificamente pensata per quelle piccole realtà in cui sono sufficienti poche macchine virtuali operanti all’interno di singoli server, e che possono fare a meno dei servizi di vSphere che danno continuità di servizio e alta affidabilità. ESXi può essere installato su hard disk, su dispositivi USB, su schede di memoria SD, o direttamente su una LUN in una Storage Area Network. Ogni host ESXi, nella versione 5.1, supporta sino a 512 macchine virtuali, un massimo di 2048 CPU virtual, e sino a 2Tb di memoria RAM per host. Le CPU fisiche supportate sono quelle con architettura a 64bit e set di istruzioni LAHF e SAHF.

Esportazione dei log dal vCenter Server e dagli host ESXi

Written by Alessio Carta on . Posted in vSphere 5.x

L’analisi delle informazioni di log è utile ogni qualvolta sia necessario ricostruire una serie di eventi che hanno preceduto un determinato problema, allo scopo di individuarne la causa. Per esportare le informazioni di diagnostica, contenute nei log degli host ESXi, ci sono diverse possibilità.

Operazioni pianificate su vSphere 5.1

Written by Alessio Carta on . Posted in vSphere 5.x

Tramite gli strumenti di gestione del vCenter Server, è possibile pianificare l’esecuzione di diverse azioni all’interno dell’ambiente virtuale di VMware vSphere. Le operazioni pianificate, dette Scheduled Tasks, possono essere eseguite una sola volta o più volte, a intervalli regolari. Per creare un’operazione pianificata è necessario collegarsi al vCenter Server. Non è possibile pianificare operazioni collegandosi direttamente agli host ESXi.

La comunicazione tra il vCenter e gli host ESXi

Written by Alessio Carta on . Posted in vSphere 5.x

L’accesso agli host ESXi da parte del vCenter Server è permesso da un servizio chiamato vpxa, che si attiva sull’host nel momento in cui questo è inserito nell’inventario del vCenter Server. Su ogni host ESXi è sempre in esecuzione un processo chiamato hostd, che permette l’esecuzione di operazioni e comandi relativi alle macchine virtuali e allo storage. Si tratta quindi di un processo  responsabile della gestione della maggior parte delle operazioni interne a VMware ESXi.

Gestione di vSphere 5.1 con vSphere Web Client e vSphere Client

Written by Alessio Carta on . Posted in vSphere 5.x

vSphere Web Client

A partire da vSphere 5.1, il vSphere Web Client rappresenta il principale strumento per la gestione dell’ambiente vShpere, sostituendo in questo ruolo il vSphere Client (comunque ancora disponibile). vSphere Web Client permette la gestione del vCenter Server e dell’intera infrastruttura virtuale tramiteweb browser. Si tratta quindi di uno strumento indipendente dal sistema operativo in uso, a differenza del vSphere Client disponibile solo per sistemi operativi Windows. Si installa tramite l’installer del vCenter Server, selezionando la voce VMware vSphere Web Client e facendo clic su Install.

Installazione di VMware vCenter Server 5.1

Written by Alessio Carta on . Posted in vSphere 5.x

VMware vCenter Server permette la gestione centralizzata di più host ESXi e delle relative macchine virtuali. Costituisce il "centro di comando" di VMware vSphere e consente l'amministrazione dei servizi applicativi e di infrastruttura, nonché l'automazione delle attività operative quotidiane, assicurando massima visibilità su ogni aspetto dell'ambiente virtuale.

Edizioni e licenze di VMware vSphere 5.1

Written by Alessio Carta on . Posted in vSphere 5.x

VMware vSphere 5.1 è disponibile nelle seguenti edizioni:

  • Standard
  • Standard con Operations Management
  • Enterprise
  • Enterprise Plus

Per ogni implementazione di VMware vSphere è richiesta un'istanza di VMware vCenter Server, con licenza venduta separatamente. Il vCenter Server è richiesto per abilitare la gestione centralizzata e le funzionalità vSphere fondamentali, quali vSphere vMotion, vSphere Distributed Resource Scheduler e altre ancora.

Utilizzando questo sito accetti l'uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità mirata (tramite Google AdSense). Clicca qui per maggiori informazioni